RAGIONGEOGRAFICA - La grande comunità virtuale
Benvenuto! Ecco la comunità meteo e non solo pronta a ripartire con i nowcasting
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Nowcasting valdostano - Primavera 2012
Lun Lug 09, 2012 9:01 pm Da marcol200

» NC Canavese: aprile-maggio 2012
Mer Apr 18, 2012 7:22 pm Da Maurizio

» Tramonto mozzafiato - Ivrea, Lago Sirio 12/03/2012
Dom Apr 08, 2012 3:16 pm Da nevemania

» Nowcasting CANAVESANO / marzo 2012
Mer Mar 21, 2012 5:27 pm Da Maurizio

» NowCasting Marzo 2012
Lun Mar 12, 2012 1:05 pm Da nevemania

» Ondata di gelo - gli effetti
Gio Mar 08, 2012 7:46 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavesano - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:15 pm Da Maurizio

» Nowcasting VdA - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:14 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavese e Valli di Lanzo - Dicembre 2011
Lun Gen 09, 2012 3:03 pm Da Maurizio

» Nowcasting Valle D'aosta - Dicembre 2011
Sab Gen 07, 2012 8:03 pm Da Maurizio

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Gennaio 2019
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario


Cina,si lotta per fermare la marea nera

Andare in basso

Cina,si lotta per fermare la marea nera

Messaggio Da Maurizio il Gio Lug 22, 2010 12:40 pm

Fonte: ANSA

PECHINO - Le autorità cinesi hanno riaperto il porto di Dalian, inquinato dalla fuoriuscita di alcune tonnellate di petrolio da due oledotti, e ora stanno cercando di contenere l'"onda nera" prima che raggiunga le acque internazionali. Lo afferma l'agenzia Nuova Cina.
La stampa di Hong Kong sostiene che ieri si è avuta la prima vittima della lotta contro l'onda nera, un giovane pompiere affogato mentre cercava di rimettere in funzione una pompa sottomarina che era stata danneggiata.
L'incidente si è verificato venerdì scorso, quando due esplosioni (le cui cause non sono ancora state individuate) hanno squarciato gli oleodotti.
Le autorità locali hanno impiegato 24 navi specializzate e 800 pescherecci sui quali erano stati montati degli "skimmer" (apparecchiature per separare l'acqua dal petrolio) per la pulizia della chiazza, che copre 52 chilometri quadrati di mare.
La zona ritenuta a rischio è molto più vasta, di circa 1.500 chilometri quadrati secondo Nuova Cina, e lambisce il limite delle acque internazionali.
Ieri le operazioni di pulizia sono state ostacolate dal maltempo e sono durate poche ore.
"La nostra priorità è quella di recuperare entro cinque giorni la massima quantità possibile di petrolio riducendo le probabilità che vengano contaminate le acque internazionali", ha dichiarato un funzionario locale.
Il porto di Dalian, sulla costa nordorientale della Cina, è il terzo per importanza del paese e gestisce un grosso volume di traffico tra la Cina ed i paesi produttori di petrolio del Medio oriente.
Secondo il National Business Daily di Shanghai, i depositi di petrolio gestiti dalla Petrochina e dal porto di Dalian erano da tempo considerati a rischio, a causa della scarsa ventilazione e dell'alta quantità di zolfo contenuta nel petrolio importato dall'Arabia Saudita.

___________________
Meglio un ottimista che ha torto che un pessimista che ha ragione
Albert Einstein
Maurizio
Maurizio
Fondatore
Fondatore

Numero di messaggi : 8091
Punti : 538531
Valutazione dei messaggi : -41
Data d'iscrizione : 03.04.09
Età : 23
Località : Ivrea, 235 m (TO) - Champoluc, 1572 m (AO)

http://ragiongeografica.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum