RAGIONGEOGRAFICA - La grande comunità virtuale
Benvenuto! Ecco la comunità meteo e non solo pronta a ripartire con i nowcasting
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Nowcasting valdostano - Primavera 2012
Lun Lug 09, 2012 9:01 pm Da marcol200

» NC Canavese: aprile-maggio 2012
Mer Apr 18, 2012 7:22 pm Da Maurizio

» Tramonto mozzafiato - Ivrea, Lago Sirio 12/03/2012
Dom Apr 08, 2012 3:16 pm Da nevemania

» Nowcasting CANAVESANO / marzo 2012
Mer Mar 21, 2012 5:27 pm Da Maurizio

» NowCasting Marzo 2012
Lun Mar 12, 2012 1:05 pm Da nevemania

» Ondata di gelo - gli effetti
Gio Mar 08, 2012 7:46 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavesano - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:15 pm Da Maurizio

» Nowcasting VdA - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:14 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavese e Valli di Lanzo - Dicembre 2011
Lun Gen 09, 2012 3:03 pm Da Maurizio

» Nowcasting Valle D'aosta - Dicembre 2011
Sab Gen 07, 2012 8:03 pm Da Maurizio

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Gennaio 2019
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario


Marea nera, il più grave disastro ecologico di sempre per quanto riguarda il petrolio

Andare in basso

Marea nera, il più grave disastro ecologico di sempre per quanto riguarda il petrolio

Messaggio Da Maurizio il Mar Ago 03, 2010 12:00 pm

Fonte : La Stampa

La marea nera che ha avvelenato il Golfo del Messico è il più grave disastro ecologico di sempre per quanto riguarda le fughe di petrolio: quasi 5 milioni di barili di greggio sono finiti in mare dal 20 aprile ad oggi. Questa la stima ufficiale comunicata dalle autorità americane in accordo con BP, che fornisce il quadro esatto di un’emergenza lunga ormai 106 giorni.

L’ammiraglio in pensione della Guardia Costiera, Thad Allen, responsabile del governo per il coordinamento della risposta alla marea nera, ha incaricato un gruppo di scienziati di rivedere le stime precedenti sulla base di nuove misure della pressione e di analisi dei dati. La cifra è «la più precisa realizzata finora e ha un margine d’errore in più o in meno del 10 per cento», si legge in un comunicato. Il rapporto rivela che, subito dopo l’incidente, fuoriuscivano 62mila barili al giorno, ma prima dell’installazione il 15 luglio del tappo di contenimento che ha permesso di chiudere temporaneamente la falla, la quantità era scesa a 53mila barili giornalieri.

Circa 4,9 milioni di barili di petrolio corrispondono a 780 milioni di litri, dei quali sono stati recuperati 127 milioni (800 mila barili). Il resto è andato disperso nelle acque calde del Golfo, oppure è stato «sciolto» dagli oltre 7 milioni di litri di solventi a suo tempo rovesciati sulla gigantesca macchia nera, e che secondo gli ambientalisti hanno fatto più danni che benefici. La più grave perdita in qualche modo paragonabile a quella provocata dall’incidente alla Deppwater Horizon risale al 1979, quando dalla piattaforma Ixtoc fuoriuscirono nella Baia di Campeche, in Messico, 3,3 milioni di barili di petrolio. L’altro disastro relativamente recente, quello della Exxon Valdez del 1989, si è fermato a 41 milioni di litri di petrolio dispersi in mare. «Non abbiamo mai avuto nella storia un disastro di queste proporzioni» ha detto Ian R. MacDonald, professore di Oceanografia presso la Florida Sate University. «Temo che nell’ecosistema continueremo a pagare le conseguenze di questo disastro per il resto della nostra vita».

La Bp ha annunciato che il test cruciale prima della chiusura definitiva del pozzo Macondo, tramite Static Kill, ha dovuto essere ritardata a causa di un problema tecnico e che l’operazione avverrà probabilmente in giornata. In un breve comunicato, l’azienda petrolifera ha spiegato che «durante gli ultimi preparativi per iniziare le prove di iniezione (di fango nel pozzo) è stata scoperta una piccola perdita idraulica» in uno dei sistemi di controllo. La multinazionale britannica prevede comunque di riuscire a realizzare i test oggi, quando la perdita sarà riparata.

L’operazione Static Kill punta, mediante l’ineizione di cemento e fango, a spingere il petrolio nel bacino sottostante, un deposito situato 4mila metri sotto la superficie marina; ed è il primo dei due interventi previsti per mettere fine a quello che è il peggior disastro ambientale della storia Usa. Thad Allen, l’ammiraglio in pensione che guida la macchina dell’amministrazione Usa contro la marea nera nel Golfo del Messico, ha spiegato che i test dureranno circa quattro ore e, a seconda dei risultati, si darà il via poi Static Kill; un’operazione che dovrebbe prolungarsi per 33-61 ore. Il pozzo è stato temporaneamente chiuso a metà luglio, ma Static Kill dovrebbe essere la soluzione definitiva per la falla che, secondo il governo degli Stati Uniti, ha rilasciato quasi 5 milioni di barili di petrolio nelle acque da fine aprile

___________________
Meglio un ottimista che ha torto che un pessimista che ha ragione
Albert Einstein
Maurizio
Maurizio
Fondatore
Fondatore

Numero di messaggi : 8091
Punti : 538531
Valutazione dei messaggi : -41
Data d'iscrizione : 03.04.09
Età : 23
Località : Ivrea, 235 m (TO) - Champoluc, 1572 m (AO)

http://ragiongeografica.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum