RAGIONGEOGRAFICA - La grande comunità virtuale
Benvenuto! Ecco la comunità meteo e non solo pronta a ripartire con i nowcasting
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Nowcasting valdostano - Primavera 2012
Lun Lug 09, 2012 9:01 pm Da marcol200

» NC Canavese: aprile-maggio 2012
Mer Apr 18, 2012 7:22 pm Da Maurizio

» Tramonto mozzafiato - Ivrea, Lago Sirio 12/03/2012
Dom Apr 08, 2012 3:16 pm Da nevemania

» Nowcasting CANAVESANO / marzo 2012
Mer Mar 21, 2012 5:27 pm Da Maurizio

» NowCasting Marzo 2012
Lun Mar 12, 2012 1:05 pm Da nevemania

» Ondata di gelo - gli effetti
Gio Mar 08, 2012 7:46 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavesano - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:15 pm Da Maurizio

» Nowcasting VdA - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:14 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavese e Valli di Lanzo - Dicembre 2011
Lun Gen 09, 2012 3:03 pm Da Maurizio

» Nowcasting Valle D'aosta - Dicembre 2011
Sab Gen 07, 2012 8:03 pm Da Maurizio

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Gennaio 2019
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario


Prezzi, "sprint" dei prodotti per la colazione

Andare in basso

Prezzi, "sprint" dei prodotti per la colazione

Messaggio Da Maurizio il Mar Dic 29, 2009 9:40 am

Fonte: La Stampa
Rientrano nel novero delle «soft commodities», ma sono conosciute come «breakfast commodities»: caffè, cacao, tè, succo d’arancia, zucchero. Quelle materie prime, insomma, che sono alla base delle colazioni di milioni di persone in tutto il mondo.

E che si differenziano, per accezione, da quelle della stessa famiglia (mentre le «hard commodities» sono costituite dai metalli, petrolio, carbone) che vanno a comporre il pranzo e la cena, vale a dire i prodotti agricoli più tradizionali. La dieta alimentare, però, c’entra poco. A tirare le fila del discorso, in questo caso, è ancora una volta la finanza. Perché le «breakfast commodities» chiudono un anno con quotazioni che hanno raggiunto i massimi (salvo il latte, l’unico a restare indietro), in controtendenza rispetto ai prezzi del grano, frumento, riso e della soja. Sprint così eccezionali da attirare sempre di più l’attenzione dei fondi e degli investitori speculativi, alla costante ricerca di nuove frontiere di guadagno, che solitamente relegano questo settore in un angolo del mercato delle materie prime.

Il cacao, ad esempio, la scorsa settimana a New York ha toccato la quotazione più alta degli ultimi 31 anni, oltre i 3.500 dollari per tonnellata, facendo un balzo dell’28,5% rispetto al gennaio scorso. Il caffè, qualità Arabica, è salito del 30,2% quest’anno, registrando una delle migliori performance degli ultimi 11 anni. Così anche lo zucchero, che ha fatto registrare un’impennata del 165,1% su gennaio, ai massimi da 28 anni. E il tè, a +83,5%. E pure il succo d’arancia, che ha scalato il grafico delle quotazioni mettendo a segno un incremento dell’88,8%. Che cosa c’è dietro questa escalation dei prezzi? Banalmente, il mercato. Da un lato, la produzione che segna il passo, dall’altro la domanda che sale, trainata anche dalla «fame» - in questo caso, accentuata dal crescente benessere - dei Paesi emergenti, a cominciare dalla Cina, ma anche da una richiesta che, secondo alcuni analisti, è stata colpita meno dalla crisi.

Scorte ridotte, richiesta, quotazioni in rialzo. Se poi qualcuno ci specula pure... Alla radice di questo boom delle quotazioni, dicono gli esperti, c’è anzitutto la geografia. Nel senso che tutte queste materie prime sono prodotte in Paesi in via di sviluppo. Aree dove la produzione è meno «resistente» ai fattori esterni: clima, conflitti, accesso al credito, risposta dei coltivatori all’aumento dei prezzi. La produzione di cacao, ad esempio, è in calo per il quarto anno consecutivo. Una frenata storica: di così lunghe non se ne ricordano dal crollo del 1965-69. È dovuta, in gran parte, ai problemi d’invecchiamento delle piante della Costa d’Avorio, Paese che produce il 40% del cacao del mondo.

La quotazione del tè, invece, ha risentito del crollo del 10-20% delle produzioni dei principali paesi esportatori (Kenia, Sri Lanka, India), falciati dalla siccità. El Niño è la causa prima del cattivo raccolto di canna da zucchero in Brasile e India. Proprio a quest’ultimo Stato è attribuita la responsabilità del balzo delle quotazioni. Oltre ad essere il secondo produttore di zucchero globale, ne è anche uno dei primi consumatori: a corto di scorte, è andato a cercarle sul mercato proprio quando il Brasile ha chiuso i «rubinetti» della sua produzione, decimata dalla piogge. Una malattia degli aranci e il clima freddo, invece , ha influito sui raccolti di arance in Brasile e Florida. Mentre il caffè più pregiato, la qualità Arabica, ha risentito della perdita di produzione in Colombia. Tutto ciò c’interessa relativamente? Sbagliato. «Il balzo delle quotazioni del caffè Arabica ha costretto, anche noi, ad aumentare di qualche punto a trimestre il prezzo finale al consumatore» riconosce Carlo Vergnano, presidente dell’omonima azienda torinese. «Ma se caleranno, li ridurremo».

___________________
Meglio un ottimista che ha torto che un pessimista che ha ragione
Albert Einstein
Maurizio
Maurizio
Fondatore
Fondatore

Numero di messaggi : 8091
Punti : 538531
Valutazione dei messaggi : -41
Data d'iscrizione : 03.04.09
Età : 23
Località : Ivrea, 235 m (TO) - Champoluc, 1572 m (AO)

http://ragiongeografica.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum