RAGIONGEOGRAFICA - La grande comunità virtuale
Benvenuto! Ecco la comunità meteo e non solo pronta a ripartire con i nowcasting
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti
» Nowcasting valdostano - Primavera 2012
Lun Lug 09, 2012 9:01 pm Da marcol200

» NC Canavese: aprile-maggio 2012
Mer Apr 18, 2012 7:22 pm Da Maurizio

» Tramonto mozzafiato - Ivrea, Lago Sirio 12/03/2012
Dom Apr 08, 2012 3:16 pm Da nevemania

» Nowcasting CANAVESANO / marzo 2012
Mer Mar 21, 2012 5:27 pm Da Maurizio

» NowCasting Marzo 2012
Lun Mar 12, 2012 1:05 pm Da nevemania

» Ondata di gelo - gli effetti
Gio Mar 08, 2012 7:46 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavesano - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:15 pm Da Maurizio

» Nowcasting VdA - febbraio 2012
Sab Feb 04, 2012 7:14 pm Da Maurizio

» Nowcasting Canavese e Valli di Lanzo - Dicembre 2011
Lun Gen 09, 2012 3:03 pm Da Maurizio

» Nowcasting Valle D'aosta - Dicembre 2011
Sab Gen 07, 2012 8:03 pm Da Maurizio

Navigazione
 Portale
 Forum
 Lista utenti
 Profilo
 FAQ
 Cerca
Partner
creare un forum
Gennaio 2019
LunMarMerGioVenSabDom
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031   

Calendario Calendario


Rally di Euro e oro, il Dollaro crolla

Andare in basso

Rally di Euro e oro, il Dollaro crolla

Messaggio Da Maurizio il Mer Ott 14, 2009 4:01 pm

Fonte: La Stampa
Nuovo record storico per il prezzo dell’oro sopra quota 1,070 dollari l’oncia. Il bene rifugio per eccellenza s’impenna, sulla scia dell’indebolimento del dollaro. A Londra il prezzo dell’oro si attesta a 1.070,80 dollari l’oncia, mentre l’euro schizza, per la prima volta dall’agosto 2008, sopra 1,49 dollari.

La corsa alle materie prime innescata dal dollaro debole continua a spingere le quotazioni del lingotto. Ed è contagiato anche il petrolio, volato ieri oltre i 74 dollari. Il mercato è alla ricerca di uno scudo per difendersi dall’inflazione che si staglia all’orizzonte e dal declino del dollaro, fino a ieri principale asset "difensivo" contro gli scossoni della crisi. E così, nonostante il rally degli ultimi giorni, il metallo giallo anche oggi è ricercatissimo. I prezzi dell'oncia hanno toccato i nuovi massimi di tutti i tempi. Una volata che va di pari passo con la discesa delle quotazioni del biglietto verde, che oggi ha toccato oggi quota 1,49 contro l’euro, minimo dall’agosto del 2008. Il petrolio ha toccato, intanto, i 74,47 dollari al barile, massimo dallo scorso 25 agosto.

«Il dollaro - spiega alla Bloomberg Edmund Phelps, Premio Nobel per l’economia nel 2006 - era forte perchè gli Usa erano «un'ancora di salvezza durante la tempesta. Ora che la tempesta si sta esaurendo, chi ne ha più bisogno?». Certo, c’è l’impegno verbale della Casa Bianca a sostegno del dollaro forte, ribadito dal segretario del Tesoro Tim Geithner che al G7 di Istanbul ha detto: «Faremo tutto il necessario per assicurarci di sostenere la fiducia» nell’economia americana. Ma gli investitori, più che alle parole, stanno guardando ai fatti e i fatti parlano chiaro: a partire dall’enorme spesa pubblica impegnata da Obama per tirare fuori gli Stati Uniti dalla crisi, che secondo le stime del Congresso porterà il deficit di bilancio dell’anno fiscale terminato il 30 settembre a 1.400 miliardi di dollari: una cifra superiore al prodotto interno lordo dell’India.

Pesano i 787 miliardi di dollari del pacchetto di stimolo all’economia, e le entrate fiscali più basse registrate dagli Usa negli ultimi 50 anni. Per questo le parole di Geithner appaiono per il momento prive di sostanza politica. E c’è anzi il sospetto che gli Usa stiano in realtà utilizzando la svalutazione del dollaro per rilanciare il proprio export ed evitare qualsiasi rischio di deflazione. Un cocktail reso ancor più pesante dalla disoccupazione che viaggia verso il 10%, un livello elevatissimo per un’economia, come quella americana, che deve ai consumi i tre quarti del prodotto interno lordo. Basta aggiungere i tassi della Federal Reserve, che restano inchiodati ad un livello prossimo allo zero, ed ecco che le prospettive di recupero del dollaro appaiono lontane. Tanto che continuano a rincorrersi le ipotesi di un cartello di paesi produttori di greggio per sostituire il biglietto verde con altre valute per i pagamenti internazionali del petrolio.

Guardando avanti, i mercati sentono odore di forte inflazione nei prossimi anni: principalmente a causa dell’enorme liquidità presente sui mercati e della politica di ’deficit spending’ messa in atto nel mondo industrializzato. E per difendersi dall’erosione del valore monetario, la migliore opzione è proprio l’oro.

___________________
Meglio un ottimista che ha torto che un pessimista che ha ragione
Albert Einstein
Maurizio
Maurizio
Fondatore
Fondatore

Numero di messaggi : 8091
Punti : 538531
Valutazione dei messaggi : -41
Data d'iscrizione : 03.04.09
Età : 23
Località : Ivrea, 235 m (TO) - Champoluc, 1572 m (AO)

http://ragiongeografica.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum